Dati relativi al controllo di enti esterni

Dati relativi agli enti pubblici vigilati, agli enti di diritto privato in controllo pubblico e alle partecipazioni in società di diritto privato

Ai casi previsti dalla normativa è riconducibile la Fondazione Forense Ravennate, della quale il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Ravenna è socio fondatore e che ha sede legale presso l'Ordine degli Avvocati di Ravenna, in viale Giovanni Falcone, 67, Ravenna e sede operativa in viale della Lirica, 35, Ravenna.
La Fondazione Forense Ravennate è una persona giuridica riconosciuta dalla Prefettura di Ravenna, non ha scopo di lucro e si propone: “a) di fornire agli avvocati che operano principalmente nell'ambito del Foro di Ravenna - tenuto conto delle norme che impongono all’avvocato il dovere di competenza e di curare costantemente la propria competenza e preparazione professionale, nonché del Regolamento per la Formazione Continua, approvato dal Consiglio Nazionale Forense il 13 luglio 2007, degli obblighi previsti in futuro per l’aggiornamento degli esercenti attività specialistica o prevalente e dei percorsi formativi e professionali necessari per il conseguimento dei titoli di specializzazione - un servizio per l'aggiornamento, la formazione professionale e la specializzazione nei diversi settori forensi, da attuarsi anche tramite corsi, masters, seminari, convegni, giornate di studio, tavole rotonde, commissioni di studio, gruppi di lavoro, eventi formativi in genere e corsi di alta formazione per il conseguimento del titolo di specialista, che siano previsti dalla normativa. Il Consiglio di Amministrazione potrà estendere l'attività a favore di avvocati di altri Fori; b) fornire le condizioni per una crescita della cultura forense nell'ambito del Foro di Ravenna; c) predisporre ed organizzare per i giovani, che intendono intraprendere la libera professione di Avvocato, strumenti di studio e di formazione forense anche mediante la creazione e gestione di una scuola forense; d) predisporre ed organizzare, in accordo con il Consiglio dell’Ordine di Ravenna e/o altre autorità competenti, corsi di formazione a contenuto professionalizzante previsti dalla normativa per il tirocinio e l’accesso alla professione di avvocato in alternativa alla pratica svolta presso gli studi professionali. La Fondazione potrà in tale ambito inoltre: - promuovere e/o gestire, direttamente o in cooperazione con terzi, ovvero, attraverso la creazione di apposite strutture, ogni attività che consenta di svolgere le attività di cui ai punti a), b), c) e d) a favore delle diverse categorie degli operatori e soggetti nel campo forense; - acquistare, prendere in locazione, locare beni immobili da destinare a sede della Fondazione e dei servizi d'interesse comune; - organizzare congressi, seminari, convegni, viaggi di studio; - curare, anche a mezzo di pubblicazioni, la conoscenza degli scopi e dei programmi della Fondazione e dell'attività svolta; - curare la pubblicazione di dispense, libri e riviste di interesse giuridico e forense; - istituire, nell'ambito delle attività di cui ai punti c) e d), borse di studio o altre provvidenze ritenute opportune per i discenti ed i soggetti meritevoli, secondo le direttive ed i regolamenti del Consiglio di Amministrazione. La Fondazione, per perseguire i suoi scopi istituzionali, potrà collaborare con organizzazioni similari, Enti Pubblici e privati, Associazioni, stipulando con essi apposite convenzioni per lo scambio di informazioni, per l'organizzazione di seminari comuni e per le altre forme di collaborazione, ai fini del migliore espletamento dei suoi scopi e finalità”.
A norma dello statuto della Fondazione Forense la stessa è presieduta di diritto dal Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Ravenna. Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ravenna provvede alla nomina di tre componenti del Consiglio di Amministrazione, che è composto da sette membri, compreso il Presidente.
Per tali incarichi il Presidente ed i componenti del Consiglio di Amministrazione non percepiscono alcun compenso, così come alcun compenso è percepito dal Direttore, dal Segretario e dal Tesoriere della Fondazione.
Tra il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ravenna e la Fondazione Forense Ravennate è vigente un accordo di servizi avente ad oggetto la gestione di alcune attività dell'Organismo di Mediazione e dell’Organismo di composizione della crisi istituiti dall'Ordine degli Avvocati di Ravenna, la raccolta e verifica dei dati inerenti i crediti formativi relativi agli eventi accreditati dall'Ordine degli Avvocati di Ravenna, maturati sia dagli iscritti all'Ordine degli Avvocati di Ravenna, sia da altri partecipanti, allo scopo della corretta contabilizzazione dei crediti e conseguente comunicazione all'ente di appartenenza, nonché la raccolta e distribuzione di fascicoli di parte, come da accordi con la Cancelleria del Tribunale di Ravenna.
Gli oneri che annualmente sono a carico dell’Ordine degli Avvocati di Ravenna, quale socio fondatore della Fondazione Forense Ravennate e sulla base del suddetto contratto di servizi, rinnovato da ultimo in data 20.04.2020, sono indicati nei rispettivi bilanci annuali, pubblicati quanto a quelli dell’Ordine degli Avvocati di Ravenna nella apposita sezione “Dati relativi al bilancio”, mentre quanto a quelli della Fondazione Forense Ravennate di seguito in questa pagina, unitamente al contratto di servizi vigente, anche in esecuzione della normativa che prevede la pubblicazione dei risultati di bilancio degli esercizi precedenti degli enti riconducibili alla casistica prevista dalla legge, quale può ritenersi la Fondazione Forense Ravennate.

In questo sito, alla pagina https://www.ordineavvocatiravenna.it/fondazione-forsense-ravennate e nel sito della Fondazione Forense Ravennate www.fondazioneforenseravennate.it sono pubblicati i dati relativi ai componenti degli organi della Fondazione Forense Ravennate e lo statuto della Fondazione attualmente vigente.