EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA: NUOVE DISPOSIZIONI DEL TRIBUNALE DI RAVENNA

Le disposizioni del Presidente del Tribunale Dott. Roberto Sereni Lucarelli sono in vigore dal 3 marzo 2020

Il Presidente del Tribunale di Ravenna con decreto n. 20/2020 - preso atto e sulla base delle linee guida per l’attività giudiziaria nell’ambito del Distretto adottate con decreto n. 42/2020 C.A. e n. 56/2020 P.G. del Presidente della Corte d'Appello e del Procuratore Generale di Bologna, che costituiscono parte integrante del provvedimento del Presidente del Tribunale, ha disposto quanto segue.

A decorrere da lunedì 02.03.2020, e fino a nuova disposizione da parte delle Autorità competenti, la regolamentazione delle udienze civili e penali ordinarie che saranno normalmente tenute, sarà la seguente:

  1. Udienze civili

Sarà oggetto di positiva valutazione ai fini del rinvio di udienza, ogni istanza collegata o connessa con l'impedimento sanitario derivante dalla situazione di emergenza epidemiologica presentata dalle parti e dal PM mediante il PCT entro le ore 10.30 del giorno lavorativo precedente e con onere dei procuratori delle parti di avviso ai testimoni rispettivamente citati ed ai CTU.
In tali casi, verrà disposto il rinvio dell'udienza da parte del Giudice assegnatario, anche a tutela della genitorialità.

  1. Udienze penali

Sarà oggetto di positiva valutazione ai fini del rinvio di udienza, ogni istanza collegata o connessa con l'impedimento sanitario derivante dalla situazione di emergenza epidemiologica
presentata dagli Avvocati e dalle parti tempestivamente inviata a mezzo pec.
Per le istanze dirette alla cancelleria GIP/GUP potrà essere utilizzato il seguente indirizzo gipgup.tribunale.ravenna@giustiziacert.it; per le istanze dirette alla cancelleria del dibattimento penale potrà essere utilizzato l’indirizzo dibattimento.tribunale.ravenna@giustiziacert.it.
In tali casi, verrà disposto il rinvio dell'udienza da parte del Giudice assegnatario, anche a tutela della genitorialità.

Non compariranno alle udienze ordinarie i soggetti che provengono dalle zone cd focolaio dell'infezione, per le quali è stato disposto dal Ministero della Salute e dalle Autorità locali il divieto per la popolazione di allontanarsi da detti luoghi come indicati dal Decreto del Dipartimento dell'Organizzazione Giudiziaria del 23-2-2020 e da successive eventuali integrazioni.
La loro mancata comparizione sarà considerata legittimo impedimento.

Restano espressamente ferme le disposizioni già impartite con il decreto del Presidente del Tribunale del 24.02.2020, relative:

  • alle udienze di convalida di arresti e fermi, procedimenti con rito direttissimo, delle udienze di riesame ed appello su misure cautelari reali, udienze di interrogatori di garanzia ex art 294 cpp, delle udienze con detenuti i cui termini di custodia scadano entro il 31.03.2020; udienze cautelari civili e ogni altra udienza sottratta all’applicazione della legge n. 742 del 1969 sulla sospensione feriale dei termini;

  • agli accessi ai locali del Palazzo di Giustizia per attività urgenti ed indifferibili, nonché per il deposito di atti in scadenza;

  • il personale di magistratura ed amministrativo è regolarmente in servizio; possono espletare il servizio gli addetti alla manutenzione, alla pulizia, al bar, alla sorveglianza.


RAVENNA, 28 febbraio 2020

     Il Presidente
Avv. Sergio Gonelli