OBBLIGO DI DEPOSITO TELEMATICO ANCHE PER GLI ATTI INTRODUTTIVI DEI PROCEDIMENTI CIVILI E OBBLIGO DI VERSAMENTI TELEMATICI

Le nuove disposizioni sono contenute nel Decreto Legge n. 11/2020 in vigore dall'8 marzo 2020

L’art. 2, comma 6, del Decreto Legge n. 11/2020, in vigore dall'8 marzo 2020, ha previsto fino al 31 maggio 2020 l'obbligo del deposito telematico anche degli atti introduttivi per i procedimenti civili pendenti innanzi al Tribunale ed alla Corte d'Appello. Come è noto per gli altri atti il deposito era già obbligatorio.
In particolare per il deposito in Corte di Appello degli atti che nelle fasi precedenti erano cartacei, è necessario fare riferimento al protocollo per i procedimenti civili avanti alla Corte d’Appello di Bologna ed a quanto ivi previsto all’art. 2, sub A) e B).
Lo stesso art. 2, comma 6 del Decreto Legge prevede inoltre l'obbligo di provvedere al pagamento del contributo unificato e della anticipazioni forfettarie unicamente con i sistemi telematici. 
Oltre alle varie possibilità offerte dai vari gestionali in uso, è possibile procedere tramite il portale dei servizi telematici del Ministero di Giustizia https://pst.giustizia.it effettuando il login con la smartcard o la chiavetta USB e accedendo alla funzione Pagamenti - Pagare con strumenti telematici.
Nella stessa pagina del sito del Ministero è contenuto un vademecum operativo.

RAVENNA, 12 marzo 2020

     Il Presidente
Avv. Sergio Gonelli